BUSINESS

RISULTATI CONTRASTANTI

Ordini cancellati a causa del crollo nel mercato retail interno

GIAPPONE

Luglio 2020

Di SUMIKO WAKASA

Nel settore moda il modello giapponese SPA (negozi al dettaglio specializzati in marchi privati di abbigliamento) si può dire che stia andando bene. Un esempio è Fast Retailing Co. Ltd, proprietario di Uniqlo ecc., che possiede 3.648 negozi nel mondo (dato aggiornato alla fine di febbraio). Le vendite di Uniqlo in aprile 2020 (il mese più difficile in Giappone a causa del Covid-19) hanno subito un decremento del 56,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ma gli affari per altre catene di negozi specializzati hanno subito un calo tra il 60 e il 90%.

Uno dei motivi del relativo successo di Uniqlo risiede nell’aver saputo adattare il concetto di “Life Wear” (abiti associati alla vita di tutti i giorni) ai prodotti basici ad alta funzionalità. Ma è anche dovuto all’apprezzamento dei consumatori per il loro impegno a migliorare e innovare continuamente.

Dall’altro lato, però, l’industria tessile giapponese sta affrontando una situazione grave a causa della cancellazione degli ordini e a causa del crollo subito dal mercato al dettaglio interno tra marzo e maggio. Il crollo è dovuto al fatto che le aziende e i negozi di abbigliamento, con l’invenduto della P/E 2020 in magazzino, non erano in grado di fare programmi per l’A/I 20-21 e hanno così ritardato gli ordinativi tessili. Per alcune industrie, forti nell’export, pare che il declino sia inferiore alle attese e che l’impatto della crisi sia limitato.

Uniqlo Harajuku, aperto nel giugno 2020

La nuova “fibra antibatterica tratta dall’energia elettrica” di Teijin Frontier e Murata Manufacturing

STREET & FASHION

ALLA RICERCA DI RELAZIONI

Il “Twin Coordination” è il trend principale tra le ventenni

GIAPPONE

Luglio 2020

Lo stile “Twin Coordination” è il più in voga tra le ventenni. Piuttosto che ispirarsi alle celebrità come immagini ideali di stile, le giovani giapponesi si rifanno principalmente a influencer e a modelle non professioniste scelte dai lettori delle riviste.

Sono principalmente alla ricerca di empatia e di amicizia.  Nel segmento definito “Young” tra le donne di età più avanzata risalta uno stile di donna indipendente definito “Super-Adult”, creato da Phoebe Philo mentre era direttore artistico di Celine. Questo look ha continuato ad avere successo durante lo scorso anno, dopo le dimissioni di Phoebe, e adesso le donne sono alla ricerca di una nuova storia “post-Phoebe”.

Mentre questi due stili restano in auge, sembra aver perso terreno il mercato destinato alla fascia intorno ai 30 anni – una fascia definita “Red Letters” (come richiamo a un certo tipo di riviste). La loro moda era “Kawaii” scelta per attirare l’attenzione maschile.  Questo tipo di moda, abbastanza caratteristico del Giappone, è stato in voga per molto tempo con delle innovazioni, infatti queste “donne iconiche” esistono ancora tra le annunciatrici TV ecc.

L’attuale declino è dovuto allo spostamento dell’attenzione delle “donne iconiche” sulla consapevolezza del proprio corpo e del benessere attraverso il tipo di acqua bevuto o il tipo di esercizio fisico. Poiché devono avere un “bust like hers”, il reggiseno da notte da indossare durante il sonno, questo è diventato un prodotto di successo. Così come il reggiseno da notte fa parte della cultura del “restate a casa”, nata durante il Covid-19, prodotti simili stanno spopolando nell’e-commerce. Si prevede che questa tendenza continuerà ancora per qualche tempo.

Il “Twin Coordination” look

Reggiseno da notte

Reggiseno-pigiama

Il look Super-Adult di Akira Naka

Look Super Adult

SUSTAINABILITY

IL GRANDE INTERESSE PER LA SOSTENIBILITA’

Crescono le vendite in settori come quello del commercio equo e dei prodotti in materiale bio

GIAPPONE

Luglio 2020

L’interesse per i temi della sostenibilità sta sostanzialmente crescendo. Tuttavia, a causa dell’ambiguità della sua definizione, non è possibile fornire dati statistici. Senza dubbio crescono le vendite in settori come quello del commercio equo e dei prodotti in materiale biologico. Per esempio, i principali tessuti di MUJI, rappresentante del lifestile SPA, con 1.000 negozi in Giappone e nel mondo e con un fatturato di oltre 430 miliardi di Yen, sono di cotone e lino biologico o di altri materiali sostenibili come il cotone riciclato e la lana. I prodotti sono anche scelti sulla base del commercio equo e della sicurezza dei lavoratori.

Le vendite di prodotti sostenibili hanno avuto un avvio lento. Molti consumatori, anche volendo, non li acquistavano perché non venivano spiegati in maniera adeguata, non era facile identificarli o erano sepolti sotto altra merce nei negozi. Grazie comunque alla crescita degli acquisti online durante la pandemia, sempre più consumatori sono oggi in grado di trovare informazioni dettagliate su questi prodotti.

A loro volta, sempre più brand stanno comprendendo l’importanza dei temi della sostenibilità. Tuttavia, a causa della crisi economica scaturita dalla pandemia, potrebbero emergere dei problemi: i consumatori, anche quelli più convinti, potrebbero infatti essere costretti a tornare sui propri passi e a fare acquisti orientati dal prezzo più basso.

Abito da sposa in cotone biologico del marchio Avanti

Un atelier del marchio Ricci Everyday che sta conducendo un progetto etico in Uganda

Baycrew’s, il gruppo multi-store, ha aperto un nuovo negozio, “Circulable Supply”, specializzato nella rivendita dei vecchi acquisti dei suoi dipendenti

x